Quella del 2015 la ricorderemo come l’estate delle grandi conquiste e dei grandi passi in avanti. Un’estate caldissima che nonostante ciò è scivolata via serena, leggera e senza intoppi, forse anche un po’ troppo velocemente.

È l’estate dei grandi progetti tra i quali, uno su tutti, è IL PROGETTO, quello su cui la famiglia, ma soprattutto il papà, lavora da mesi. Una nuova realtà che cambierà la vita di tutti noi, che ci porterà a faticare tanto e a passare meno tempo insieme, ma tutto questo non ci spaventa: siamo pronti.

outlanders

È il momento del movimento, dello sport e del mio cambiamento, più mentale che fisico. L’estate in cui le teenager di tutto il mondo danno l’anima per avere il bellyslot, io che teenager non lo sono da un pezzo, ho legalizzato il bellyblob.

bellyblob estate

corsa

È l’estate dei capelli grigi e dei capelli a zero, perché prima o poi bisogna tornare alle origini, al punto di partenza, per ricordarsi chi siamo e dove vogliamo andare. Io senza i capelli mi sento me stessa.

capelli grigi

capelli a zero

È la stagione del lavoro fisico e dei cambiamenti, quella in cui con soli due giorni di piccone e vanga abbiamo trasformato un giardino spoglio e fangoso nella nostra comfort zone.

estate

estate

Sono stati mesi di relax e lentezza, mesi in cui mi sono concessa di mandare in ferie il blog e sentirmi leggera per muovermi alla ricerca di quella vena che credevo di aver perso. Insomma, me la sono goduta.

estate

È l’estate in cui la piccola ha vinto le sue paure e ha scoperto che lasciarsi andare a volte è liberatorio e travolgente. Specialmente con dei braccioli gonfiati a 1000 atmosfere.

Ricorderemo l’estate 2015 per tutte queste cose e per tante altre ancora, ma più di tutto, la ricorderemo come l’estate in cui la principessa di casa ha imparato l’arte dello scoreggiare a comando. E ne è diventata maestra.

estate

Chissà quali meraviglie ci riserverà l’autunno.