Sono arrivata al termine della prima fase del mio percorso con le intolleranze alimentari: dopo circa 40 giorni di astinenza da formaggi stagionati (che tanto mi fanno schifo), frutta secca, caffeina e cioccolato (per il cioccolato non parliamo di astinenza, diciamo più lieve allontanamento), mi sono presentata al centro Diet Natural per il controllo di routine e per pianificare il graduale reinserimento degli alimenti una o due volte a settimana e a giorni alterni.

Che dire, alcuni risultati ci sono stati, un paio di chili in meno e un aumento del metabolismo basale con conseguente diminuzione della massa grassa, che è anche il dato che mi interessa di più, ma la cosa interessante è vedere come siano cambiate alcune cose su di me.

Per esempio, non immaginavo che eliminare la caffeina e passare al caffè decaffeinato potesse farmi così bene: gli attacchi di colite sono diminuiti così come le notti tormentate e i risvegli frequenti. Hai scoperto l’acqua calda, direte voi, ma bevendone sempre poco di caffè, giusto a colazione con il latte, non ho mai pensato che potesse essere la causa di quei rognosissimi disturbi o che potesse essere lui a peggiorarli.

Se poi prendiamo in considerazione la frutta secca, specialmente nocciole, mandorle e noci di cui non solo sono ghiottissima ma che utilizzo come spuntino spezzafame ed energetico prima della palestra, è facile immaginare come eliminandola in toto io abbia perso 2 kg così, senza fare sforzi. Perché sì, sono “grassi buoni”, ma sono pur sempre grassi, ossia la parte che più di tutti io cerco di combattere, o no???

Il terzo alimento a cui il test mi aveva trovata intollerante era il pecorino. Ora, chi mi conosce lo sa, niente al mondo mi fa più schifo dei formaggi, dopo i ragni e i serpenti è ovvio. È dunque altrettanto ovvio che non ho fatto alcuna fatica a rinunciare a pecorino e formaggi stagionati, ma non mi sarebbe dispiaciuta un’intolleranza ai latticini in genere, almeno per qualche settimana avrei rinunciato alla pizza. Forse. Anzi, no.

L’ultimo scoglio da superare è il cioccolato: non ce l’ho fatta. Quel chilo di costanza che da circa 4 anni ricerco tra le pagine di questo blog se l’è data a gambe davanti all’ipotesi di rinunciare al cioccolato. Sono debole, lo so, ma la vita è una questione di priorità e il fondente per me è una priorità.

Nonostante la mia piccola resa davanti al Ritter Sport sto meglio, molto meglio. Sapete che non dico palle, piuttosto sto zitta e faccio la vaga, ma stavolta proprio no, sto bene davvero. Così bene che mi sento di darvi un suggerimento: provateci, potreste scoprire cose che non immaginate e avreste l’occasione di conoscervi un pochino di più.

Se abitate a Piacenza, provincia o comuni limitrofi, al centro Diet Natural di Piacenza è in corso un’ottima promozione: prenotando entro il 31 luglio potrete avere un test per le intolleranze alimentari e una consulenza nutrizionale, comprensivi di analisi impedenziometrica, al costo di 48 euro invece di 60 e se porti un amico sono 80 euro per due persone. Per tutte le info visitate il sito www.dietnatural.it o chiamate il centro al numero 0523/324638.

Diet Natural intolleranze alimentari