Cara Daria, io ti voglio bene, fin dai tempi di Generazione X ho creduto in te e ti ho seguita in ogni tuo programma e ti ho dato fiducia anche come scrittrice. Fiducia che non è mai stata tradita perché, diciamolo, tu sei brava, scrivi bene, le tue storie sono belle e hai pure un bravo editor. Allora dimmi, Daria, da dove cavolo ti è uscita Antonia?

Ok, facciamo un passo indietro. Antonia è la protagonista di L’amore che ti meriti, l’ultimo romanzo di Daria Bignardi, che ha riscosso e continua a riscuotere consensi sia da parte del pubblico che da parte della critica. Il romanzo racconta la storia travagliata di una famiglia di Ferrara che deve affrontare la dolorosa scomparsa di uno di Maio, diciassettenne tossicodipendente legatissimo alla sorella Alma, ragazza forte e vitale con cui condivide tutto. I due sono così legati da meritarsi un nome unico, Almaio. Maio scompare in circostanze misteriose e dopo settimane di indagini che non portano ad alcun risultato, la famiglia e tutta la città si rassegnano all’idea che sia morto. La storia ritorna a galla circa 30 anni dopo e Antonia, figlia di Alma, inizia ad indagare sul quel caso che a Ferrara tutti ricordano.

l'amore che ti meriti

Wannabe Lily Rush

 

Insomma, Antonia è un po’ la Lily Rush di Ferrara, quella che arriva, riapre un caso stantio e dimenticato, fa due domande qua e la, sente puzza di bruciato e tac, colpevole inchiodato. Una con le palle, bionda e figa, ma con le palle. E Antonia com’è? Moscia, noiosa, incinta, senza alcun gusto estetico e con un pensiero così banale che, non so, non mi capacito di come possa essere uscire dalla mente brillante della Dariona nazionale. Dai su, questa arriva a Ferrara e fa pure la frescona con il commissario di polizia che non si capisce se ci prova oppure no. C’è sempre sto sottinteso di malizia da romanzetto di quarta categoria, una roba ridicola e pure noiosa che non c’entra nulla con la trama e a mio avviso rovina del tutto il personaggio e la storia. Ma la cosa peggiore, quella che proprio mi ha infastidita fin dal principio, è quello che Antonia fa nella vita: la scrittrice di romanzi gialli.

Daria, questa volta per me è NO.

Ed ora sono curiosissima di leggere la recensione di Valeria, sarà doppia stroncatura per la Dariona o a Valeria sarà piaciuto? E Simona cosa ne pensa?

***

Come sempre vi lascio con l’appuntamento al prossimo #leggiAMOlo, il cui protagonista è Marina Bellezza di SIlvia Avallone.