Fino a un minuto prima della pubblicazione questo post si è chiamato “un settembre da leggere” e ciò è già abbastanza rappresentativo delle mie attuali condizioni. Non sto male e non sono a pezzi, ma perdo i pezzi e tutto mi si incasina. Anche la lettura, sì. Abbiate pazienza.

I ragazzi del massacro di Giorgio Scerbanenco – Quando ho chiesto questo libro a Sara della libreria Bookbank, ha sgranato gli occhi meravigliandosi del perché volessi proprio quello. Non avendo mai letto Scerbanenco le ho risposto con un esaustivo “non so, perché”?. Perché tra tutti i suoi libri questo uno dei più forti e si differenzia nettamente dallo stile degli altri, mi ha spiegato Sara, aggiungendo anche se mi fosse piaciuto questo, probabilmente non avrei amato gli altri. Ora, non so se sarà così, ma sicuramente questo mi ha fatto venire la voglia di saperne di più di Scerbanenco e di Duca Lamberti, una delle figure letterarie maschili che più mi ha incuriosito da quando leggo.  Conoscete Duca? Io ne sono rimasta affascinata: duro e buono al tempo stesso, intelligente e con una curiosità quasi femminile, un femminile importante per lui a giudicare da quando si fidi del giudizio di Livia, partner lavorativa e sentimentale, e di quanta cura metta nel rapporto con sua sorella. Voglio conoscerlo meglio e credo che per farlo partirò da due chiacchiere con la fidata Camilla.

Trama in pillole – Una giovane maestrina viene trovata agonizzante sul pavimento dell’aula della scuola serale Andrea e Maria Fustagni dove insegna. Massacrata di botte e violentata. Tutti indagati gli allievi della maestra, i quali però giurano di non aver partecipato al massacro ma di aver soltanto guardato.

Piacere, io sono Gauss di Silvia Tesio – Amare la Tesio è facilissimo, così come amare Gauss. 10 anni e la totale incapacità di dire bugie. Lui dice sempre la verità anche a costo di mettere la madre in situazioni difficili. Gauss vive con la mamma, la sorella adolescente e la nonna, figura femminile saggia e simpatica che mi ha fatto sorridere per tutta la lettura. Gauss è ossessionato dalla figura del padre, figura sconosciuta visto che non si è mai visto. Di lui non sa nulla, nemmeno il nome e questo lo porta ad immaginare situazioni e vite possibili. La figura paterna è abbastanza centrale nel racconto e ritorna sotto tante forme. Questo è un libro che regala belle e inaspettate sensazioni, Gauss conquista immediatamente per spontaneità e simpatia.

Trama in pillole – È la storia di una famiglia e di un bambino determinato e curioso che vuole a tutti i costi conoscere suo padre. Dirvi di più sarebbe un delitto!

Shantaram – Continua la lettura di questo lunghissimo capolavoro letterario, così intenso bello e lungo da costringermi a prendere qualche pausa. A voi non è mai capitato?

The China Study – Uno studio medico e scientifico destinato a far discutere e, si spera, a far emergere alcuni aspetti della nostra alimentazione che incidono in maniera negativa sulla nostra salute. Le proteine animali, per esempio, sono così importanti? Fanno così bene come pensiamo (e come ci dicono) al nostro corpo? Ho deciso che voglio saperne di più, senza estremismi o prese di posizione dure, ma voglio essere consapevole di ciò che mangio.

leggere

Ora, terminato il mio breve elenco di libri, vi invito a leggere il post di Valeria alla quale chiedo ufficialmente di uscire allo scoperto: hai trovato la formula segreta per allungare le giornate? Come cappero fai a leggere così tanto???