*attenzione, questo è un post realistico e sincero dove non troverai traccia di punti esclamativi ed esagerate espressioni di giubilo. Questo post è personale e le idee che vi sono espresse non sono state inquinate da alcun agente esterno.  

Se sei alla tua prima partecipazione al Mammacheblog, ci sono alcune cose che è bene tu sappia:

1. Pioverà. Il meteo mette sole? Sbaglia, pioverà. Piove sempre, vuoi che quest’anno sia diverso? Ok, forse non pioverà, ma per sicurezza non mi metterei le infradito.

2. Tutti ti guarderanno le tette, ma solo perché il tuo nome sarà attaccato proprio li.

3. Sii coraggiosa, alza la mano, presentati e fai domande. Abbi anche il coraggio di ascoltare le risposte.

4. Prendi appunti, ma non credere di trovare il Santo Graal o il segreto di eterna giovinezza.

5. Metà delle persone che saluterai non ti riconoscerà, mentre della metà restante il 30% ti chiederà il tuo nick su Twitter o Instagram e il restante 20 ti abbraccerà perché l’anno prima ha davvero ascoltato quello che avevi da dire.

6. Sorridi e vai a presentarti alla blogstar che segui da anni, ma non aspettarti che dal giorno dopo risponda ai tuoi tweet, non lo farà.

7. Definisci i tuoi obiettivi e comportati di conseguenza. L’importante è essere coerenti. (Questo vale anche fuori dal mammacheblog.)

8. Il Quanta Village è brutto e ormai non è più adatto a contenere il numero sempre maggiore di partecipanti, perciò preparati a stare in piedi o seduta in terra.

9. Nella sala dei momtalk le prese di corrente utilizzabili sono soltanto 3, se devi sederti in terra è meglio farlo vicino a una di queste.

10. Hai un’idea che sembra buona anche ad altri oltre che a te stessa, a tua madre e a tuo marito? Proponila, ma non sperarci troppo.

11. Ti diranno che è prevista una cena con gli sponsor: dimenticatene, tanto non ci andrai.

12. Lo so che da settimane stai pensando a come vestirti, ma il Mammacheblog non è il FashionCamp perciò non perderci troppo tempo.

13. Le malelingue sono ovunque e sono quasi certa che in un raduno di un qualche centinaio di donne sia facile trovarne qualcuna. Ovviamente non la riconoscerai subito, ma dalle un po’ di tempo e vedrai che sui social darà il meglio di sé.

14. Nonostante il numero di blogger aumenti in maniera esponenziale anno dopo anno, il cerchio dorato è chiuso. Anche la possibilità di andare in overbooking è esaurita. Anche la lista d’attesa, rassegnati.

15. Sorridi, se lo fanno tutte un motivo ci sarà, no?

Bene, ci vediamo li sabato mattina!

mammacheblog