E’ iniziato tutto con l’intento di fare una torta, alla crema di limone per essere precisi.
Ho chiesto la ricetta a un’amica, talebana del tradizionale e del fatto a mano, intimidatoria e quasi dittatoriale nel dirmi “la crema la devi fare sul fuoco, non col Bimby!”

Ora, io al mio Bimby voglio bene, ma ho avuto più paura dell’amica nazi e di un suo possibile te l’avevo detto in caso di mal riuscita.

E così mi son messa a fare sta crema, e son stata li impalata davanti al fornello girando il cucchiaio nella pentola. E poi è successo che la crema non mi ha voluto bene, forse perché l’ho girata troppo o troppo poco, e ha fatto una bolla. Una bolla bella grossa, che a contatto con il cucchiaio è esplosa riversando l’intruglio bollente sulla mia mano.

Son volata immediatamente sotto l’acqua fredda e ho messo una cremina, ma bruciava troppo e così son andata al pronto soccorso. Cioè, io volevo andare alla guardia medica, ma nonna cipensoio, interpellata al telefono, ha dichiarato pronto soccorso.

Arrivo e davanti a me ho, nell’ordine:
– straniero con mal di pancia diffuso al petto che ha chiesto la carrozzina per passare avanti e poi, una volta ottenuto il numero dall’accettazione, è uscito con la moglie a fumarsi una sigaretta;
– bambino grasso con mano dolorante dopo aver sganciato un pugno al fratello che nell’attesa si è mangiato 3 merendine, 2 sacchetti di patatine e ha svuotato il cestino di caramelle delle volontarie;
– donna con calore diffuso alle guance che si spruzzava in viso litri di acqua spray, presto liquidata dall’infermiera con l’indicazione di prendere un antistaminico in farmacia e lasciar passare casi più seri.

Dopo solo 1 ora e 29 minuti finalmente è il mio turno per l’accettazione, dove, la stessa infermiera che ha liquidato la tipa mi consiglia di non smazzarmi ore di attesa e di andare prima alla guardia medica.

E dirmelo subito no?????

In effetti, mi sarei persa le perle del nostro sistema sanitario e l’occasione di dire te l’avevo detto a nonna cipensoio, mica roba da poco insomma.

Ah già, la torta alla fine non l’ho fatta, ho dato tutta la colpa alla mia nazi-amica e ho giurato eterna fedeltà al mio Bimby.

Voi siete più agili di me in cucina o riportate ferite da veterane di guerra?