Abbiamo iniziato ad ascoltare qualche cd di filastrocche e canzoncine per bambini prestatoci da una coppia di amici con bimba di tre anni i quali, con sorriso orgoglioso, ci dicono “ah guarda, uno non è bellissimo, ma l’altro lo balla e lo canta tutto, vedessi com’è simpatica!”

CD 1 – cacciatori, piccoli uccellini caduti dal ramo, e padri che fanno l’amore con…eject.

CD 2 – Barbie Girl, Aserje, Candy Candy, La canzone del capitano. Eject.

Ora, non si può dire che io sia una bigotta, ma Barbie girl andrebbe vietata ai minori di 16 anni, per non parlare poi di Facchinetti e della Canzone del capitano!!!!
Così, presi da una vena artistica alla Mogol-Battisti, abbiamo creato questa versione post moderna, un po’ nichilista e più attuale della nostra grande hit L’elefante con le ghette.

L’ELEFANTE CON LE TETTE
Testi di Rampazz-Labat
Canta la mamma
Dirige il maestro Anita

L’elefante, l’elefante 
con le tette
se le leva, se le leva, 
e se le mette
se le leva, e se le mette 
per potersi, per potersi divertir.

E la mamma, e la mamma
un poco grassa
cade giù, cade giù 
dal terzo piano
per fortuna c’era un ramo che la prese,
che la prese e si spezzò.

La balena la balena ubriachina
sa che l’acqua, sa che l’acqua le fa male
quando viene il temporale si nasconde, 
si nasconde dentro a un bar.

Tre formiche,tre formiche,
in bicicletta
fanno a gara, fanno a gara,
nel vialetto
ma la moto per dispetto il vialetto,
il vialetto attraversò.